Permessi di lavoro, domicilio e di residenza in Svizzera

Percorso

Residenza e cittadinanza in Svizzera

Come ottenere la residenza in Svizzera? Nel corso degli anni Co.Re.Co. - Studio legale Ceruti ha maturato in quest’area una rilevante esperienza assistendo clienti stranieri nell'ottenimento del permesso di residenza (dimora B e domicilio C) e soggiorno in Svizzera (Canton Ticino) e nell'ottenimento del permesso di lavorare in Svizzera (permesso G per frontalieri).

Come per le aziende, anche per le persone fisiche trasferire la propria residenza in Svizzera (Canton Ticino), ottenendo inizialmente il permesso di dimora B, permette di esser assoggettati ad una tassazione più conveniente rispetto alla maggior parte dei Paesi Europei e, nel contempo, di beneficiare di servizi efficienti ed a "misura d'uomo", senza complicazioni burocratiche. Trascorsi 5 anni dall'ottenimento del permesso di dimora B è possibile richiedere alle autorità competenti il rilascio del permesso di domicilio C. Trascorsi ulteriori 5 anni è possibile richiedere la cittadinanza svizzera (naturalizzazione), purchè siano rispettate alcune condizioni, quali l'aver risieduto nel Comune in cui si formula la richiesta di naturalizzazione per un determinato periodo (ad esempio in Canton Ticino, almeno tre anni di domicilio e ininterrottamente gli ultimi due precedenti la domanda nel Comune ove si formula la domanda di naturalizzazione) etc...

Co.Re.Co. - Studio legale Ceruti offre assistenza alle persone che intendono spostare la propria residenza in Svizzera, curando tutti gli aspetti necessari per l'ottenimento sia del permesso di dimora B ordinario (esistenza di un contratto di lavoro nel rispetto di minimi salariali, contratto di locazione etc.) sia del permesso di dimora B per "globalisti" (calcolato sul dispendio per l'alloggio, il vitto e le spese necessarie). L'ottenimento del permesso di dimora B comporta il trasferimento ai fini civilistici della residenza in Svizzera; infatti, a titolo di esempio, un cittadino italiano che ha ottenuto il permesso di dimora B, dovrà iscriversi sia all'AIRE (Albo degli Italiani residenti all'Estero) sia presso il Registro del Controllo abitanti del Comune svizzero ove risiede, potrà comprare una casa in Svizzera, un terreno o altro immobile (senza le limitazioni previste dalla legge svizzera per l'acquisto di fondi da parte di stranieri residenti all'estero), potrà esser amministratore unico di una Società svizzera etc.

Trasferire la propria residenza in Svizzera può, inoltre, essere un'opportunità anche per i pensionati sia perchè potranno beneficiare di un'elevata qualità di vita sia perchè potranno percepire la pensione dal Paese di residenza al lordo (quindi senza le trattenute), fatto salvo l'obbligo poi di pagare le tasse sul reddito in Svizzera (che sono, comunque, più contenute rispetto alla maggior parte dei Paesi europei, tra cui l'Italia).

Per l'ottenimento di un permesso di dimora B ordinario é necessario dimostrare all'Ufficio stranieri competente sia di disporre di una abitazione in Svizzera (in affitto o in proprietà) sia di avere un reddito da lavoro minimo (i parametri variano a seconda che il permesso B sia richiesto da una persona (a) non sposata o (b) sposata o (c) sposata con figli a carico, nonchè sulla base di una tabella di calcolo che comprende le spese di affitto etc...); a titolo di esempio, una persona non sposata senza figli a carico deve disporre di un reddito minimo indicativamente di 3.000 CHF / 3.500 CHF lordi al mese, mentre una coppia di coniugi un reddito complessivo annuo di almeno indicativamente 50.000 CHF lordi (oltre 10.000 CHF lordi per ogni figlio a carico). Il reddito minimo sopra specificato può derivare sia da lavoro dipendente (comprovabile con un contratto di lavoro) sia da lavoro autonomo - indipendente.

Co.Re.Co. - Studio legale Ceruti offre, altresì, assistenza (tramite predisposizione del ricorso alle autorità competenti), in caso di diniego di rilascio di un permesso di dimora, di domicilio o di frontaliere, di rifiuto del rinnovo del permesso di dimora, di domicilio o di frontaliere, di revoca di un permesso di domicilio (revoca permesso C), di dimora (revoca permesso B) o di frontaliere (revoca permesso G).

Un cittadino italiano o europeo può lavorare in Svizzera, mantenendo la propria residenza nel Paese di origine (ad es. in Italia, Francia, Germania etc.), previo ottenimento di un permesso di lavoro G (frontaliere); al riguardo, si precisa che, in seguito agli accordi sulla libera circolazione stipulati tra la Svizzera e l'Unione Europea, il permesso di lavoro G (frontaliere) viene concesso automaticamente alla presentazione di un contratto di lavoro con una società svizzera. Si segnala, inoltre, che é possibile ottenere il permesso di lavoro G (frontaliere), ancorchè si risieda fuori dalla fascia di confine (20 km) dalla Svizzera; vi é, però, un'importante differenza fiscale tra il frontaliere che risiede, ad esempio, in un comune italiano di confine (nella fascia di frontiera entro i 20 km dal confine con la Svizzera) ed il frontaliere che risiede in un comune italiano fuori dalla fascia di confine di 20 km dalla Svizzera; nel primo caso, infatti, il frontaliere sarà tassato alla fonte in Svizzera e non avrà alcun obbligo di dichiarare in Italia il suo reddito percepito in Svizzera; invece, nel secondo caso, il frontaliere sarà obbligato a dichiarare in Italia il reddito percepito all'estero, rimanendo soggetto all'imposizione fiscale italiana: nel calcolo del reddito da fonte estera si deve considerare lo stipendio lordo percepito in Svizzera, al netto degli oneri sociali e dedotta una franchigia.

Per quanto concerne i tempi di attesa per il rilascio del documento attestante il permesso di lavoro o di residenza, sono, ad oggi, di alcuni mesi (si precisa, però che per i cittadini dell'Unione europea il diritto a risiedere in Svizzera é automatico al momento della presentazione della domanda).

Si segnala, infine, che dal 1 aprile 2015, coloro che richiedono un permesso di residenza o di lavoro in Svizzera dovranno allegare all'istanza da inoltrare all'Ufficio stranieri anche il certificato penale generale del casellario giudiziale / giudiziario dello Stato di origine.

Di seguito sono schematizzati i principali permessi di residenza / domicilio / dimora e lavoro con le caratteristiche preminenti:

 

PERMESSO G

PERMESSO B

PERMESSO C

IN GENERALE

È il permesso per frontalieri. In seguito agli accordi bilaterali, sottoscritti tra Svizzera ed UE, é considerato frontaliere anche colui che, esercitando un'attività lucrativa in Svizzera, risiede in un Comune italiano fuori dalla fascia di confine di 20 Km (vi sono, però, rilevanti differenze fiscali tra il frontaliere che risiede in un Comune italiano nella fascia di confine di 20 Km e il frontaliere che risiede in un Comune italiano fuori dalla fascia di confine di 20 Km). Per ottenere il Permesso G, il frontaliere deve svolgere in Svizzera un’attività lucrativa dipendente o indipendente, senza trasferire la propria residenza in Svizzera.

È il permesso di dimora. Viene rilasciato ai cittadini UE/AELS che si trasferiscono in Svizzera per esercitare un’attività lucrativa o semplicemente per soggiornare (permesso B per "globalisti" senza attività lucrativa o permesso B ordinario senza attività lucrativa). Con l'ottenimento del permesso B (ordinario o "da globalista") si é a tutti gli effetti giuridicamente residenti in Svizzera.

È il permesso di domicilio. Viene rilasciato al cittadino UE/AELS che soggiorna da almeno 10 anni in Svizzera con permesso di dimora B. I cittadini dei primi 15 Paesi (tra cui l'Italia) con cui la Svizzera ha concluso l’accordo sulla libera circolazione delle persone ed i cittadini AELS possono ottenere tale permesso già dopo 5 anni di dimora in Svizzera.

ATTIVITÁ LUCRATIVA DIPENDENTE

Il permesso viene rilasciato a colui che dispone di un contratto di lavoro sottoscritto con un datore di lavoro in Svizzera.

Il permesso viene rilasciato se il dipendente dispone sia di un contratto di lavoro della durata minima di un anno o a tempo indeterminato (con un minimo salariale da rispettare a seconda che si sia single, sposati o sposati con figli a carico) sia di una abitazione (in locazione, in comodato d'uso o di proprietà) in Svizzera.

 

ATTIVITÁ LUCRATIVA INDIPENDENTE

Il permesso viene rilasciato se il lavoratore dimostra che la sua attività viene svolta in modo effettivo e durevole.

Il permesso viene rilasciato se il lavoratore dimostra sia che la sua attività viene svolta in modo effettivo e durevole sia di disporre di una abitazione (in locazione, in comodato d'uso o di proprietà) in Svizzera.

 

VALIDITÁ

La validità del permesso di colui che esercita un’attività lucrativa dipendente  varia a seconda della durata del contratto di lavoro. Se il contratto è a tempo indeterminato o se il permesso viene rilasciato a chi esercita un’attività lucrativa indipendente, lo stesso ha validità di 5 anni.

Il permesso, di regola, ha validità di 5 anni e può essere prorogato.

Il permesso ha validità illimitata e viene fissato un termine di controllo di 5 anni.

AVVERTENZA: I CONTENUTI DI QUESTA PAGINA E DELLE ALTRE PAGINE DEL SITO WWW.CORECOSAGL.COM SONO A MERO TITOLO INFORMATIVO E POTREBBERO NON ESSERE AGGIORNATE CON LE RECENTI DISPOSIZIONI NORMATIVE O INTERPRETAZIONI GIURISPRUDENZIALI; SI CONSIGLIA, PER TALE MOTIVO, DI PRENDERE CONTATTO DIRETTAMENTE CON IL NOSTRO STUDIO PER EVENTUALI CHIARIMENTI E/O APPROFONDIMENTI. GLI AUTORI DECLINANO, PERTANTO, OGNI RESPONSABILITA’ PER ERRORI O OMISSIONI DELLE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL SITO WWW.CORECOSAGL.COM
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i diritti riservati - Co.Re.Co. Studio legale Ceruti - Realizzazione siti internet www.christophermiani.it